Navigation

Ondata di arresti in Turchia dopo il fallito golpe

Migliaia di persone in piazza a sostegno di Erdogan che chiede agli USA di estradare l'oppositore Gülen

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2016 - 15:58

In Turchia prosegue l'ondata di arresti dopo il fallito colpo di Stato. Secondo quanto filtra ad Ankara sarebbero seimila le persone poste in stato di fermo per le quali il presidente Erdogan ha promesso pene esemplari.

Intanto erano migliaia di persone che ieri sera sono scese nuovamente in piazza a sostegno del governo legittimo che ha chiesto agli Stati Uniti di estradare Fetullah Gülen, il magnate in esilio ritenuto la mente del tentato golpe che da parte sua ha parlato di messa in scena.

Vere o false che siano le dichiarazioni di Gülen resta il fatto che il presidente Erdogan esce notevolmente rafforzato dal sollevamento di parte dell'esercito di venerdì sera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.