Navigation

Plebiscito per un Kurdistan iracheno indipendente

Lo spoglio delle schede del referendum indipendentista nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte. Secondo i primi risultati diffusi dalle autorità di Erbil, circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre il 7% si è detto contrario.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2017 - 13:44
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 26.09.2017)
Contenuto esterno


L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro mercoledì sera sera.

Come prima reazione ufficiale del governo di Baghdad il premier Haidar al Abadi ha detto lunedì mattina che le autorità irachene "non intendono discutere con Erbil dei risultati del referendum", perché quest'ultimo "è incostituzionale". Abadi è tornato ad accusare le autorità curde di "istigare il caos e la sedizione" all'interno del paese.

Dura reazione di Erdogan

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che i curdi dell'Iraq settentrionale patirebbero la fame se Ankara decidesse di fermare i camion al confine e di interrompere la fornitura di petrolio alla regione. 

"Misure economiche e militari sono sul tavolo", ha detto Erdogan. Il governo turco teme che il referendum possa danneggiare la politica interna in Turchia, infiammando ancora di più il sentimento separatista dei curdi residenti nel paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.