Navigation

Offensiva terrorista in Libia, Il Cairo e Parigi si muovono

Isis: "Siamo a sud si Roma" ma Renzi frena sull'intervento militare

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2015 - 21:38

Dopo aver bombardato con i suoi caccia diverse postazioni dell'Isis in Libia, in risposta all'uccisione di 21 cristiani copti, l'Egitto ha chiesto alla comunità internazionale di prendere misure contro i terroristi che stanno avanzando verso Tripoli. Da parte sua la Francia si è fatta promotrice di una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per autorizzare un intervento contro gli insorti dello Stato islamico.

Nel video che mostra la decapitazione dei copti i terroristi islamici rivolgono minacce all'Italia: "Siamo a sud di Roma". Il premier Renzi ha comunque escluso, almeno per il momento, l'ipotesi di un'azione militare nel paese nordafricano. Ma gli sbarchi sulle coste italiane continuano e l'ambasciata a Tripoli è stata chiusa. Gli italiani presenti su suolo libico sono già stati rimpatriati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.