Navigation

Obama: troveremo gli assassini di Kayla

Obama ha nuovamente espresso l'impegno degli Stati Uniti nella lotta contro l'ISIS, ma ha promesso ai famigliari della ragazza che troverà gli assassini

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 febbraio 2015 - 13:10

All'indomani della conferma della morte di Kayla Mueller, l'operatrice americana rapita nel 2013 dagli jahdisti dello Stato islamico, a parlare sono i famigliari della vittima e il presidente Barack Obama.

Obama ha nuovamente espresso l'impegno degli Stati Uniti nella lotta contro l'ISIS, ma ieri sera si è soprattutto rivolto alla famiglia della vittima, promettendo di trovare i responsabili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.