Navigation

Obama: distruggeremo il terrorismo

Il presidente statunitense ha parlato alla Conferenza della Nazioni del sud-est asiatico; invito alla Russia perché in Siria si allinei alla coalizione

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2015 - 14:19

"Distruggeremo lo Stato islamico senza rinunciare ai nostri valori": è un Obama perentorio quello che ha parlato alla conferenza dell'Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico, a Kuala Lumpur in Malesia.

Il discorso è culminato con l'invito alla Russia perché adatti la sua strategia in Siria alla coalizione guidata dagli Stati Uniti. La guerra civile, lascia intendere Obama, non si fermerà se Assad rimane al potere, come vorrebbe almeno nel corto-medio termine Mosca.

Dopo l'intervento russo, dopo i fatti di Parigi e la ritrovata presentabilità internazionale di Assad, non cambia dunque il disegno americano. Per Obama bisogna instaurare un progetto di transizione politica che possa riconoscere il diritto a un nuovo governo, anche con una maggiore collaborazione dell'Arabia Saudita, della Turchia e dell'Iran.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.