Navigation

Obama, "pronti a collaborare con ogni nazione"

Putin: impossibile giungere a una soluzione escludendo Assad

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2015 - 20:58

L'incandescente conflitto in Siria è al centro dei lavori dell'Assemblea generale ONU, a New York. I leader della terra si confrontano infatti sull'emergenza siriana per trovare una soluzione al conflitto che da quattro anni incendia il paese. Da una parte il Segretario Generale dell'ONU accusa il Consiglio di sicurezza di paralisi politica, dall'altra Obama dichiara che:

"Gli Stati Uniti sono pronti a collaborare con ogni nazione per elaborare una soluzione al conflitto. Con ogni paese, anche Russia e Iran."

Ma Putin ribatte parlando soltanto di "una soluzione diplomatica" visto che Assad, definito da Obama un tiranno, per Mosca non si tocca.

Presente all'Assemblea anche la Svizzera con il Consigliere Federale Didier Burkhalter il quale esprime soddisfazione per la ripresa del dialogo tra Stati Uniti e Russia e afferma che anche il regime di Bashar al-Assad deve essere coinvolto nelle trattative per porre fine alla guerra in Siria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.