Navigation

Nuovo pacchetto di riforme all'esame del parlamento greco

Si profilano spaccature all'interno di Syriza, la formazione del premier Alexis Tsipras

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2015 - 21:27

Nelle prossime ore il parlamento greco deve esprimersi sul secondo pacchetto di riforme imposto dai creditori internazionali. Si tratta di un passaggio obbligatorio per poter avviare le trattative sul nuovo piano di aiuti da 80 miliardi al paese ellenico.

Il legislativo, che ha già varato l'aumento dell'IVA e la riforma delle pensioni, è chiamato ora ad adottare le regole europee sulle banche in fallimento e la revisione del codice di procedura civile, che punta a tagliare i costi e a velocizzare i processi. Il voto appare scontato, dopo che parte dell'opposizione ha annunciato la sua adesione alla manovra, ma all'interno del partito Siryza del premier Tsipras - che comunque gode del favore dei sondaggi - si profilano nuove fratture e tensioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.