Navigation

Nuovo corpo europeo di guardie di confine

Proposta (controversa) una nuova agenzia potrà contare su mille persone entro il 2020 e altre 1500 messe a disposizione dagli Stati membri

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 dicembre 2015 - 20:26

La Commissione europea ha proposto formalmente di creare un corpo europeo di guardie di confine e di guardacoste, pronte ad intervenire laddove le guardie nazionali si ritrovino sopraffatte dall'emergenza migratoria. Come è avvenuto per esempio in Grecia o in Italia.

La proposta dovrà essere approvata dal Consiglio e dal Parlamento europeo. Ma intanto sta facendo molto discutere. Perchè prevede che gli Stati non possano tirarsi indietro. Cioè non possano negare il loro aiuto se Bruxelles chiede di intervenire.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.