Navigation

Nuove polemiche a Baltimora

Le proteste sono state scatenate dalla libertà su cauzione concessa ai 6 agenti incriminati

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2015 - 14:11

Negli Stati Uniti, la folla è scesa in strada a Baltimora per festeggiare l'incriminazione per omicidio dei 6 poliziotti coinvolti nella morte di Freddy Grey, il giovane afroamericano deceduto per una lesione alla spina dorsale mentre si trovava in custodia cautelare.

La liberazione su cauzione degli agenti ha però scatenato nuove proteste. L'accusa più grave, quella di omicidio di secondo grado, pesa sull'autista del furgone della polizia. Perché Gray avrebbe ricevuto un colpo letale alla testa, proprio durante il trasporto senza cinture di sicurezza.

Per quanto riguarda gli altri agenti, si parla di omicidio colposo, abuso, condotta negligente o arresto illegale.

I legali della polizia difendo l'operato dei loro agenti , anzi accusano la procuratrice del Maryland, Marylin Mosby, di aver tratto le sue conclusioni con troppa fretta, in un solo giorno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.