Navigation

"Carcere preventivo per richiedenti asilo pericolosi"

Un posto di confine con la Slovenia in un'immagine d'archivio. Keystone / Erwin Scheriau

Il ministero dell'Interno austriaco ha presentato una serie di misure per scoraggiare l'arrivo di migranti. Una, in particolare, sta facendo discutere: la possibilità di incarcerare preventivamente, e per decisione amministrativa, i richiedenti asilo ritenuti pericolosi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2019 - 21:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 28.02.2019)

A ispirare questo inasprimento della politica d'asilo è anche un fatto di sangue, che si è verificato non lontano dai confini svizzeri. A Dornbirn, lo scorso 6 febbraio, un 34enne turco ha ucciso un alto funzionario dell'ufficio sociale.

La vittima, dieci anni prima, aveva deciso di espellere il giovane turco dall'Austria poiché si era macchinato di alcuni reati. A inizio 2019, però, l'aggressore è rientrato illegalmente nel Paese e ha chiesto asilo, ottenendo di restare.

"Nelle direttive europee sull'accoglienza in materia d'asilo", osserva il ministro degli interni austriaco Herbert Kickl a proposito della discussa misura preventiva, "questa carcerazione è contemplata se serve alla sicurezza nazionale e a difesa dell'ordine pubblico".

Contenuto esterno


Serve però una modifica della Costituzione, e quindi una maggioranza qualificata in Parlamento per la quale è necessario l'appoggio di altri partiti. Che sarà difficile ottenere, poiché nei piani di Vienna, la carcerazione preventiva sarebbe decisa non da un giudice, ma da funzionari.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?