Navigation

Non parla il presunto assassino di Yara Gambirasio

Polemica tra il ministro dell'Interno italiano Angelino Alfano e i magistrati che lo accusano di non aver mantenuto il riserbo sull'arresto

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2014 - 13:26

In Italia è stato fermato il presunto assassinio di Yara Gambirasio, la 13enne scomparsa alle porte di Bergamo nel 2010. Durante l'interrogatorio l'uomo, che è stato rintracciato grazie ad una lungo lavoro di comparazione del DNA, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Intanto pero' è scoppiata la polemica tra il ministro dell'interno italiano e i magistrati che lo accusano di non aver mantenuto il riserbo sull'arresto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.