Navigation

Non discriminare, ma soprattutto spendere

Il politicamente corretto diventa un business

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2016 - 20:46

Da Bruce Springsteen al Papa, passando dalla Apple fino alle nuovissime Barbie: negli ultimi giorni molte delle dichiarazioni che sono rimbalzate sui media hanno fatto appello a una sorta di comandamento, quello di non "discriminare".

All'origine certamente il rispetto per le diversità, ma anche talvolta l'ossessione del politicamente corretto che può trasformarsi in un vero e proprio business dei buoni sentimenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.