Navigation

Nobel per la pace a due giornalisti

Maria Ressa, CEO e direttrice del portale 'Rappler'. Keystone / Alecs Ongcal

Il Nobel per la pace è stato assegnato a due giornalisti, la filippina Maria Ressa ed il russo Dmitry Muratov, "per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è una condizione preliminare per la democrazia e una pace duratura'.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2021 - 13:07
tvsvizzera.it/fra
Dmitry Muratov Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Ecco chi sono. Giornalista in Asia per 35 anni, Maria Ressa, 58 anni, ha co-fondato Rappler, il principale sito di notizie esclusivamente digitali che sta conducendo la lotta per la libertà di stampa nelle Filippine. 

In qualità di CEO e presidente di Rappler, Maria ha subito continue vessazioni politiche e arresti da parte del governo Duterte, costretta a pagare dieci volte la cauzione per rimanere libera. La battaglia di Rappler per la verità e la democrazia è l'argomento del documentario del Sundance Film Festival 2020, "A Thousand Cuts". Per il suo coraggio e il suo lavoro sulla disinformazione e le fake news, Maria Ressa, nominata Persona dell'anno 2018 da Time Magazine, è stata tra le 100 persone più influenti del 2019 ed è stata anche nominata una delle donne più influenti del secolo. 

Nel 2020 ha ricevuto il premio Journalist of the Year, il John Aubuchon Press Freedom Award, il Most Resilient Journalist Award, il Tucholsky Prize, il Truth to Power Award e il Four Freedoms Award.

Muratov, 59 anni, è un giornalista russo tra i fondatori del quotidiano russo Novaya Gazeta, lo stesso in cui lavorava Anna Politkovskaja. Muratov lo ha diretto tra il 1995 e il 2017. Novaya Gazeta è stato definito "l'unico giornale veramente critico con influenza nazionale in Russia oggi" dal Comitato per la protezione dei giornalisti . Il giornale è noto per i suoi reportage approfonditi su argomenti delicati come la corruzione governativa e le violazioni dei diritti umani.

Nel 2007, Muratov ha vinto un Premio Internazionale per la Libertà di Stampa dal Comitato per la Protezione dei Giornalisti . Il premio viene assegnato ai giornalisti che dimostrano coraggio nel difendere la libertà di stampa di fronte ad attacchi, minacce o carcerazione. Nel 2010 ha ricevuto l' ordine della Legion d'onore , la più alta decorazione di Francia.

Dmitry Muratov ha dedicato il Premio Nobel per la Pace al giornale da lui diretto, Novaya Gazeta, e ai sei giornalisti della testata che sono stati uccisi. "Vi dirò questo: non è merito mio. È di Novaya Gazeta. Sono quelli che sono morti difendendo il diritto delle persone alla libertà di parola. Siccome loro non sono con noi, probabilmente hanno deciso che sia io a dirlo a tutti".
 

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.