Navigation

Nobel della pace al Quartetto per il dialogo tunisino

Il collettivo si è distinto per la sua battaglia per la democrazia nel paese nordafricano

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2015 - 12:59

Il comitato di saggi norvegese ha attribuito oggi il Nobel per la pace al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino. La scelta ha confutato i pronostici della vigilia che indicavo nella cancelliera Merkel, nell'Agenzia ONU per i rifugiati (UNHCR) e Papa Francesco i candidati più accreditati al premio.

Il Quartetto, è stato spiegato ad Oslo, si è distinto per il suo contributo decisivo nella costruzione di una democrazia pluralista nel paese africano, a seguito della rivoluzione del 2011. Il collettivo insignito del Nobel è formato da rappresentanti sindacali e padronali, avvocati e Lega tunisina dei diritti dell'uomo.

L'anno scorso il premio era andato all'attivista indiano per i diritti dei bambini Kailash Satyarthi e alla pachistana Malala Yousafzay, ferita dai talebani per il suo impegno in favore della scolarizzazione delle bambine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.