Navigation

Nigeria, liberate 21 ragazze rapite da Boko Haram

Alle trattative per il rilascio, oltre al Comitato internazionale della Croce Rossa, ha partecipato anche il governo svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2016 - 20:09

Il governo svizzero, insieme al comitato internazionale delle Croce Rossa, ha contribuito alla liberazione di una parte delle oltre 200 ragazze nigeriane rapite due anni e mezzo fa dal gruppo terroristico Boko Haram. Molte studentesse sono però ancora prigioniere. I loro rapitori sempre impuniti.

Dopo il loro arrivo le ragazze sono state esaminate da un team di dottori e psicologi. Varie fonti riportano che le ragazze avevano con se dei bambini al momento del loro arrivo, ed alcune erano incinta.

Secondo la BBC, le ragazze sarebbero state rilasciate in cambio di quattro prigionieri legati a Boko Haram. Notizia che però è stata smentita dal vicepresidente nigeriano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.