Navigation

Muri e barriere sulla rotta dei migranti

La regola è scegliere la strada con il minor numero di confini da attraversare

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2015 - 20:28

Il viaggio dei migranti è irto di difficoltà e ostacoli che li portano spesso a cambiare il loro percorso. Vediamo allora dove - e perché - i profughi hanno fatto delle deviazioni o compiuto scelte precise per arrivare a destinazione.

Non c'è infatti solo il muro ungherese: lungo il percorso dei migranti ci sono altre barriere. La prima è quella tra Grecia e Turchia, costruita dagli ellenici nel 2012. Si trova lungo quella parte del fiume Evros - che fa da confine - dove l'acqua è meno profonda e si potrebbe attraversare a piedi. Anche la frontiera con la Bulgaria è costellata di barriere, difficile passare da lì.

Ecco quindi l'alternativa: dirigersi in Grecia via mare approdando sulle isole del Mediterraneo poco lontane dalla costa turca. Una volta traghettati sul continente, ci si dirige in Macedonia.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?