Navigation

Migranti, l'Albania chiede aiuti a Occidente

Le rotte dei profughi si sposteranno verso l'Adriatico, reportage da Tirana

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2016 - 21:57

Le nuove rotte dei migranti, dopo le chiusure delle frontiere nei paesi balcanici, passeranno secondo gli esperti per l'Albania. Ma il paese non è pronto a reggere l'urto ai 300 km di frontiere con la Grecia. Le autorità di Tirana stanno predisponendo due aree di accoglienza.

Ma non basteranno a gestire il flusso lungo la via adriatica e hanno chiesto aiuto all'Unione europea e in particolare all'Italia per controllare i confini. In caso contrario vi sarà un'ondata di disperati che si dirigerà verso la Penisola e la Svizzera sud-orientale. Il reportage in Albania di Jonas Marti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.