Navigation

Migranti, iniziato lo sgombero del campo di Idomeni

Oltre 84000 profughi trasferiti dalla polizia in altri centri del nord della Grecia

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2016 - 13:13

Lo sgombero del campo profughi improvvisato di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia, è iniziato martedì mattina. Le operazioni, secondo il portavoce del servizio greco di coordinamento della crisi migratoria Giorgios Kyritsis, si stanno svolgendo "molto lentamente" e "nella calma".

Lo sgombero del campo dovrebbe durare una decina di giorni per consentire la partenza di circa 8'400 persone. Circa 700 poliziotti partecipano all'operazione mentre quattro bus avrebbero trasportato i primi 400 migranti fuori dal campo.

I profughi saranno pian piano trasferiti in un centro di accoglienza nei pressi di Salonicco, seconda città greca per importanza nel nord del paese e non lontana da Idomeni, la cui occupazione era iniziata a marzo a seguito della chiusura della frontiera tra Grecia e Macedonia e al blocco della cosiddetta "via dei Balcani".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.