Navigation

Migranti, 38 dispersi dopo il naufragio a largo di Lesbo

Almeno tre i morti accertati, tra cui un bambino di sette anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2015 - 13:05

Trentotto persone sono date per disperse dopo il naufragio di un barcone di migranti mercoledì sera, al largo dell'isola greca di Lesbo. Alle prime ore di giovedì, un elicottero di Frontex si è alzato in volo per unirsi alle ricerche della guardia costiera a nord dell'isola, dopo il drammatico salvataggio di 242 persone. Almeno tre i morti accertati, tra cui un bambino di sette anni. Molti dei superstiti erano in stato di ipotermia.

Un nuovo, ennesimo dramma del mare dunque, mentre sulla rotta balcanica, cresce la tentazione di innalzare barriere per fermare i migranti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.