Navigation

Marea nera sulle spiagge californiane

Huntington Beach in California, situata a pochi chilometri a sud di Los Angeles. Keystone / Christian Monterrosa

Una marea nera spaventa la California. La perdita di petrolio da un oleodotto a largo delle coste dell'Orange County riversa in mare quasi 572'000 litri di greggio, creando una grande macchia nera da 33,6 chilometri quadrati che continua a crescere con il passare delle ore. Il timore, affermano preoccupate le autorità dell'area, è che l'incidente di trasformi in un "disastro ecologico".

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2021 - 15:18
tvsvizzera.it/fra

Numerose squadre a terra e in acqua hanno lavorato febbrilmente domenica per limitare i danni ambientali causati da una delle più grandi fuoriuscite di petrolio nella recente storia della California, causata da una sospetta perdita in un oleodotto sottomarino che ha inquinato le sabbie della celebre spiaggia di Huntington Beach e potrebbe tenere chiusi i litorali per settimane.

Sulla superficie dell’oceano si è provveduto a dispiegare le barriere che servono per limitare l’espansione della macchia d’idrocarburi, mentre i sommozzatori hanno cercato di determinare dove e perché si sia verificata la perdita.

Volontari e specialisti hanno invece tentato di aiutare gli animali marini insudiciati dal petrolio ed evitare che la fuoriuscita danneggi le vicine paludi, più sensibili. Si stima che circa 580'000 litri di greggio siano finiti nelle acque al largo della contea di Orange durante il weekend. Il sindaco di Huntington Beach ha affermato che le spiagge della comunità soprannominata "Surf City" potrebbero rimanere chiuse per settimane o addirittura mesi.

Gli equipaggi guidati dagli skimmer schierati dalla Guardia Costiera hanno posato oltre 1'100 metri di barriere galleggianti note come "booms" per cercare di impedire che più petrolio penetri in aree tra cui Talbert Marsh, una riserva naturale in una zona paludosa di dieci ettari.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.