Navigation

Il fuoco delle proteste continua ad ardere negli USA

Le contestazioni scoppiate dopo la vicenda George Floyd, l'afroamericano ucciso da un poliziotto durante l'arresto a Minneapolis, non accennano a placarsi. La protesta ha intanto anche varcato l'Atlantico. Una manifestazione contro il razzismo è stata organizzata lunedì a Zurigo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 giugno 2020 - 20:56
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG dell'1.6.2020)
Memphis è una delle tante città statunitensi dove le manifestazioni sono degenerate. `

Da New York a Los Angeles, da Filadelfia a Seattle, decine di migliaia di statunitensi sono scesi in piazza in questi ultimi giorni per protestare contro la brutalità della polizia, il razzismo e la disuguaglianza sociale, esacerbata dalla crisi della Covid-19.

A una settimana esatta dall'uccisione a Minneapolis di George Floyd, un afroamericano di 46 anni morto durante l'arresto mentre un poliziotto gli teneva premuto il ginocchio sul collo, gli Stati Uniti si stanno leccando le ferite. In diverse città, infatti, le manifestazioni sono degenerate.

E non sarà sicuramente il trasferimento lunedì in un carcere di massima sicurezza dell'agente Derek Chauvin, accusato di omicidio colposo, che calmerà gli animi.

Per cercare di arginare le violenze, in diverse città è stato ordinato il coprifuoco e in oltre venti metropoli è stata dispiegata la guardia nazionale.

A Minneapolis domenica si è sfiorato il dramma quando un'autocisterna ha cercato di forzare il passaggio mentre si trovava in mezzo a un corteo di manifestanti pacifici. L'autista, che ha rischiato il linciaggio, è poi stato arrestato.

Donald Trump, accusato di gettare benzina sul fuoco con i suoi tweet, ha promesso di "fermare la violenza collettiva" e ha puntato il dito contre le azioni dei "radicali di sinistra", in particolare il movimento "antifa" (antifascista), dichiarando di volerlo iscrivere tra le organizzazioni terroriste.

Il servizio del TG e l'analisi del corrispondente della RSI a Washington:

Contenuto esterno


Intanto, le proteste hanno varcato l'Atlantico e sono arrivate anche in Svizzera. Lunedì, un migliaio di persone ha manifestato a Zurigo verso mezzogiorno contro il modo di operare della polizia americana. I dimostranti, in gran parte giovani, ma anche famiglie con bambini, brandivano cartelli su cui si potevano leggere scritti quali "Black Lives Matter" (le vite dei neri contano) o "Silence is Violence" (il silenzio è violenza).

La manifestazione a Zurigo si è svolta nella calma. Keystone / Alexandra Wey

La polizia non è intervenuta: poco dopo le 14.00 le forze dell'ordine si sono limitate a ricordare le regole - non rispettate - dettate dalla prevenzione del coronavirus: distanziamento fisico e limitazione a 30 persone per gli assembramenti.

Stando all'autorità alla dimostrazione hanno preso parte circa mille persone; tutto si è svolto nella calma e non si sono verificati danneggiamenti. Il mancato intervento è stato deciso in ossequio al principio della proporzionalità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.