Navigation

Il Venezuela tra proteste, morti e penuria alimentare

Mentre continuano le manifestazioni contro il presidente Nicolas Maduro, l’opposizione venezuelana denuncia la morte di un giovane manifestante, il 75esimo dall’inizio delle proteste in aprile. Intanto nel paese la gente fatica a trovare qualcosa da mettere in tavola. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2017 - 14:41
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 24.06.2017)
Contenuto esterno


Il giovane è stato ucciso dai proiettili sparati dalle forze dell’ordine mentre stava partecipando a una manifestazione in sostegno alla procuratrice generale Luisa Ortega, figura di spicco dell’anti-chavismo e contraria alla convocazione il 20 luglio dell’Assemblea costituente decisa da Maduro, che avrà il compito di riscrivere la costituzione. Un progetto, quest’ultimo, osteggiato dal 69,1% della popolazione, secondo l’istituto di sodaggio Datanalisis.  

Maduro, tuttavia, continua sulla sua strada e accusa indirettamente i leader dell’opposizione di spingere la popolazione alla violenza. 

Con un’economia in crollo e un’inflazione che alla fine dell’anno potrebbe toccare il 1200%, i venezuelani faticano a trovare di che sfamarsi, con i beni di prima necessità, latte e carne, che scarseggiano. 

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.