Navigation

Mafia Capitale, 44 arresti

Migranti e campi di accoglienza il cuore delle attività illecite

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2015 - 13:07

E' il business legato ai flussi migratori e alla gestione dei campi di accoglienza al centro del nuovo capitolo dell' inchiesta della procura di Roma sulla cosiddetta Mafia Capitale. 44 persone sono finite in manette accusate di vari reati tra cui associazione di tipo mafioso, corruzione, turbativa d'asta, false fatturazioni, trasferimento fraudolento i reati ipotizzati a vario titolo.

Arrestati consiglieri comunali e regionali che favorivano le attività del clan che spaziavano dalla gestione dei rifiuti al business degli immigrati. In manette anche Luca Gramazio, accusato di partecipazione all' associazione mafiosa capeggiata da Carminati. Per gli investigatori, "centrale" la figura di Salvatore Buzzi, già coinvolto nella prima fase dell' inchiesta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.