Navigation

Lo scatto che sconvolge il mondo

L'immagine di un bambino siriano morto nelle acque turche sta diventando un atto d'accusa verso l'UE

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 settembre 2015 - 15:05

Si chiamava Aylan, aveva tre anni. Viveva a Kobane, la città tristemente nota perché contesa da mesi dalle forze di Isis e dalle milizie curde. Aylan era fuggito con la sua famiglia. Volevano raggiungere il Canada e ricominciare una vita normale. Invece è morto in mare, e la sua foto sulla spiaggia turca di Bodrum ha fatto il giro del mondo.

Con lui sono morti anche la mamma e il fratellino di 5 anni. Ora il padre vuole tornare a Kobane e riportarvi i loro corpi. A volte la fuga dall'inferno porta solo ad un inferno peggiore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.