Navigation

Libia, rapiti quattro italiani

Foto d'archivio keystone

Sono dipendenti di una ditta di costruzioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2015 - 09:56

Quattro italiani sono stati rapiti in Libia nei pressi del compound dell'Eni nella zona di Mellitah.

Si tratta di dipendenti della società di costruzioni Bonatti. L'Unità di Crisi del ministero degli esteri italiano si è immediatamente attivata per seguire il caso ed è in contatto costante con le famiglie dei connazionali e con la ditta Bonatti.

Come noto in seguito alla chiusura dell'ambasciata d'Italia in Libia il 15 febbraio, la Farnesina aveva segnalato la situazione di estrema difficoltà del paese invitando tutti i connazionali a lasciare la Libia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.