Navigation

Libano, la crisi continua: Hariri rinuncia a formare un governo

Contenuto esterno

In Libano il premier incaricato Saad Hariri ha rinunciato a formare un nuovo governo dopo nove mesi di trattative con le forze politiche e in particolare con il fronte capeggiato dal presidente della Repubblica Michel Aoun.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2021 - 15:50
tvsvizzera.it/fra

Al centro del contendere rimane da mesi la spartizione degli incarichi ministeriali per i dicasteri strategici come gli Interni e le Finanze. Quest'ultima poltrona si potrebbe trovare a gestire una ingente quantità di finanziamenti che la comunità internazionale, tramite il Fondo monetario internazionale, potrebbe sbloccare per sostenere la via d'uscita del Libano dalla crisi.

Alla notizia della rinuncia di Hariri è esplosa la protesta in varie città. Secondo la Costituzione Aoun deve ora riaprire le consultazioni per affidare l'incarico a un'altra personalità. Un passaggio formale che potrebbe durare ancora a lungo.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.