Navigation

La parola fine su Chernobyl

Un sarcofago di cemento e acciaio coprirà per almeno 100 anni il reattore esploso nel 1986. Ha impiegato 100 ingegneri e 10mila collaboratori di oltre 30 nazionalità in 7 anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2016 - 20:38

Questa mattina, a Chernobyl, si è tenuta una cerimonia per celebrare la fine delle operazioni di spostamento del nuovo arco protettivo sul reattore nucleare esploso nel 1986. Un'opera colossale che ha coinvolto molti Paesi, tra cui anche la Svizzera. L'arco non diminuirà i livelli di radioattività del terreno, ma eviterà ulteriori contaminazioni per 100 anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.