Navigation

La Grecia insolvente attende il referendum

Dopo giornate di frenetiche trattative non c’è stato alcun accordo in extremis

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 luglio 2015 - 12:48

Da oggi, mercoledì, a Grecia è insolvente. Non ha rimborsato gli 1,6 miliardi di euro che doveva entro la mezzanotte al Fondo monetario internazionale.

Una situazione, comunque, che non equivale automaticamente alla bancarotta del paese. Le trattative con Bruxelles continuano in attesa del referendum di domenica.

L'incertezza del momento e la prospettiva di un'uscita dalla zona Euro preoccupano parecchio anche l'economia greca. Chi commercia con l'estero, vede l'eventuale abbandono della moneta unica come una catastrofe.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.