Navigation

La Grecia chiede tempo

Il governo ellenico ha inviato a Bruxelles la richiesta ufficiale di estensione di sei mesi del programma d'aiuti; venerdì riunione straordinaria dell'Eurogruppo

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 febbraio 2015 - 13:24

Dopo il rinvio di mercoledì, il governo greco ha fatto recapitare a Bruxelles la richiesta ufficiale di estensione di sei mesi del programma di aiuti finanziari, che scade il 28 febbraio. Lo ha annunciato il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che ora vaglierà la proposta di Atene e ha convocato una riunione straordinaria per venerdì pomeriggio.

Il governo del primo ministro Tsipras ha ribadito di non voler partecipare ancora al piano di austerità imposto dalla Troika. La posizione di Atene è quella di applicare solo alcune delle misure richieste da Bruxelles. Lo ha specificato il ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis, fiducioso sul buon esito dell'incontro di venerdì.

La Grecia sta tentando di trovare un compromesso con l'Eurogruppo per ottenere gli aiuti senza però tradire la fiducia espressa al neo-premier dai suoi elettori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.