Navigation

La giornata delle faccine

C'è chi riesce a comunicare solo con queste faccine... Keystone / Arno Burgi

Il 17 luglio è un giorno dedicato agli emoji. Perché proprio quella data? E quali sono i più utilizzati? Eccovi le risposte.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2021 - 16:58
tvsvizzera.it/fra

La giornata mondiale dedicata agli emoji, il World Emoji Day, esiste dal 2014 e cade il 17 luglio. Perché proprio quella data? Perché è quella che appare nel primo emoji "calendario" di Apple, e fu scelta in quanto il software iCal venne lanciato al Macworld Expo proprio il 17 luglio del 2002.

L'idea di dedicarvi una giornata è stata di Jeremy Burge, uno storico delle emoticon e fondatore di EmojipediaLink esterno, sito web che raccoglie e cataloga tutte le emoji. Il termine "emoji" deriva dal giapponese e vuol dire pittogramma, cioè un disegno o un simbolo in uno o più colori immediatamente riconoscibile. La prima faccina è stata creata a fine anni Novanta da Shigetaka Kurita che lavorava per un'azienda di telecomunicazioni.

Secondo i calcoli del sito Statista, nel 2022 il numero delle emoticon presenti raggiungerà quasi quota 3'500. Ogni anno infatti se ne aggiungono di nuove, approvate dal consorzio UnicodeLink esterno.

Secondo una ricerca di Samsung, il bacio e la risata con le lacrime sono i più gettonati. Segue in terza posizione il pollice alzato. Per Unicode la classificaLink esterno differisce leggermente.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.