Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

La Francia secondo Marine

(tvsvizzera)

Il Front National potrebbe governare in alcune regioni. Cosa vuole il partito dei Le Pen? - La scheda

Ormai ci siamo. Domenica è il secondo e ultimo turno delle regionali francesi e dopo gli schiaffoni elettorali rifilati alla gauche del presidente Hollande e alla destra di Nicolas Sarkozy, la "vague blue" del Front National potrebbe travolgere la République. Un incubo per molti, un sogno per altrettanti, anche se a onor del vero, dato il 28% incassato in prima battuta e l'affluenza al 50%, il partito è sostenuto da non più di una persona su sei.

Ma, chiamati alle armi gli elettori, qual è concretamente il programma del partito? Ecco alcuni punti.

Più Stato e più forte: messo in soffitta l’ultraliberismo del fondatore Jean-Marie Le Pen, il nuovo Front National su alcune istanze ha adottato ricette che si potrebbero definire di sinistra, seppur protezionistiche e scioviniste: l’aumento delle tasse sulle importazioni, la precedenza al nazionale negli appalti, ma anche il salario minimo (che andrebbe aumentato) e l’abbassamento a 60 anni dell’età pensionabile.

"Nous pouvons activer des critères environnementaux et sociaux pour privilégier l'emploi et les produits locaux." #BourdinDirectLink esterno

— Marine Le Pen (@MLP_officiel) 10 Dicembre 2015Link esterno

Fine della citazione

Laicità: il mantra di Marine Le Pen, ma in chiave anti-Islam. “La Repubblica non riconosce nessuna comunità”, è l’articolo che l’FN vorrebbe iscrivere nella Costituzione, oltre ad istituire un ministero ad hoc. Divieto inoltre di ostentare in pubblico i simboli religiosi, meglio se musulmani: niente velo anche sui bus, per esempio. Ma attenzione, guai a toccare i simboli cristiani, in cui la cultura europea è immersa.

"La #CrècheLink esterno, c'est notre culture, la France puise son histoire dans la chrétienté, que cela plaise ou non." #BFMPolitiqueLink esterno

— Marine Le Pen (@MLP_officiel) 7 Dicembre 2014Link esterno

Fine della citazione

Immigrazione: mettere subito fine "all’immigrazione di massa", lotta a quella clandestina (espulsione e nessuna possibilità di regolarizzare i "sans-papiers") e riduzione drastica di quella legale, permettendo non più di 10'000 entrate l’anno, anche abrogando i ricongiungimenti famigliari e la riforma del diritto d’asilo per concedere rifugio solo a qualche centinaio di persone (come in Giappone, dice il partito).

"Riprendere il controllo delle frontiere"

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Riprendere il controllo delle frontiere"

Europa : la parola d’ordine è una sola, sovranità. Bruxelles deve ridare sovranità nazionale alla Francia, e solo in questo caso il paese resterà nell’Unione europea. L’FN all’Eliseo? Marine e compari organizzerebbero subito un referendum per l’uscita dall’euro (ma non dall’UE) e ristabilirebbero la supremazia del diritto nazionale su quello internazionale. Schengen? Va smantellato, subito.

Famiglia: il Front National non è un monolito, ma presenta diverse sensibilità al suo interno. La giovane e rampante Marion è un’ultracattolica tradizionalista, che vorrebbe vietare l’aborto e che vede come fumo negli occhi le relazione fra persone dello stesso sesso . La zia Marine se eletta capo dello Stato, un giorno, non rimetterebbe in discussione il diritto all’aborto, nonostante ne critichi il troppo facile ricorso; abrogherebbe per contro la legge che consente i matrimoni gay ma farebbe evolvere le unioni civili per garantire pari diritti agli omosessuali.

Pena di morte: l’argomento non è contenuto nel programma politico, ma la presidente Marine ha più volte ribadito di esserne favorevole: “Sono avvocata, in un sistema di costruzione della pena ci deve essere un minimo e una sommità, che è la pena di capitale”. In ogni caso, se venisse eletta presidente della Repubblica, non deciderebbe unilateralmente ma indirebbe un referendum sul tema. Un referendum che potrebbe anche essere approvato: secondo un recente sondaggio il 52% dei francesi è favorevoleLink esterno alla pena capitale.

//www.dailymotion.com/embed/video/xu7svdLink esterno
Marine Le Pen : 'je suis pour la peine de mort"Link esternopar BFMTVLink esterno

Ludovico Camposampiero

QuestoLink esterno e altri approfondimenti su www.rsi.ch/newsLink esterno



Marion Maréchal-Le Pen, giovane deputata in Parlamento

Marion Maréchal-Le Pen, giovane deputata in Parlamento

(keystone)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×