Navigation

L'Isis rivendica la strage di Beirut

La roccaforte di Hezbollah colpita per il l'appoggio del movimento al presidente siriano Bashar al Assad

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2015 - 21:28

Lo Stato islamico ha rivendicato l'attentato che ieri a Beirut ha ucciso 44 persone e ne ha ferite più di 200. Il duplice attacco kamikaze ha colpito la roccaforte di Hezbollah nella capitale libanese, il movimento sciita già bersaglio dei gruppi sunniti per il suo sostegno militare a Bashar al Assad nel conflitto siriano.

Meno di un mese fa il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, aveva rivendicato il ruolo decisivo del movimento nella guerra in Siria contro i ribelli sunniti del presidente alauita Bashar al Assad.

Dall'inizio del 2013 le rappresaglie in Libano sono state numerose, una decina gli attacchi, ma questo dell'ISIS è certamente il più cruento. Un attentato che dopo diversi mesi di relativa calma riaccende i contrasti politici e confessionali in paese in cui convivono, in un equilibrio precario, numerose confessioni religiose.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.