Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

L'Isis rivendica la strage di Beirut

La roccaforte di Hezbollah colpita per il l'appoggio del movimento al presidente siriano Bashar al Assad

Lo Stato islamico ha rivendicato l'attentato che ieri a Beirut ha ucciso 44 persone e ne ha ferite più di 200. Il duplice attacco kamikaze ha colpito la roccaforte di Hezbollah nella capitale libanese, il movimento sciita già bersaglio dei gruppi sunniti per il suo sostegno militare a Bashar al Assad nel conflitto siriano.

Meno di un mese fa il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, aveva rivendicato il ruolo decisivo del movimento nella guerra in Siria contro i ribelli sunniti del presidente alauita Bashar al Assad.

Dall'inizio del 2013 le rappresaglie in Libano sono state numerose, una decina gli attacchi, ma questo dell'ISIS è certamente il più cruento. Un attentato che dopo diversi mesi di relativa calma riaccende i contrasti politici e confessionali in paese in cui convivono, in un equilibrio precario, numerose confessioni religiose.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×