Navigation

L'integrazione passa anche dallo yogurt

Cinque giovani africani ex clandestini si improvvisano imprenditori a Roma e la cooperativa funziona

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2015 - 11:27

Sono sbarcati clandestinamente in Italia dopo aver attraversato su un barcone il Mediterraneo e alcuni di loro hanno partecipato alla "rivolta di Rosarno" nel gennaio 2010 contro il razzismo e lo sfruttamento dei braccianti agricoli nei campi della Calabria. Sono 5 giovani africani che nel marzo del 2011 hanno creato la cooperativa Barikamà che produce yogurt, che vengono consegnati direttamente agli acquirenti in bicicletta, secondo la tradizione del loro paese. Un progettoLink esterno imprenditoriale interessante che ha anche vinto un bando della Regione Lazio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.