Navigation

L'importanza dell'ONU alla sua 77esima assemblea generale

La Svizzera vuole partecipare alla riforma delle Nazioni Unite. Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved.

Alla 77esima Assemblea generale dell'ONU a New York, il Presidente della Confederazione Ignazio Cassis sottolineerà l'importanza di questa istituzione in un periodo di sfide.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 settembre 2022 - 15:30
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

"Ministro degli esteri" e presidente della Confederazione per il 2022, Cassis dovrebbe pronunciare il suo discorso nel primo pomeriggio di martedì. Inoltre tra martedì e mercoledì ha in programma colloqui bilaterali con numerosi rappresentanti di Stati e governi. Mercoledì Cassis parteciperà anche a un ricevimento organizzato dagli Stati Uniti e incontrerà il Presidente americano Joe Biden. 

Il ruolo della Svizzera nell'Onu è destinato a rafforzarsi nei prossimi mesi. Dal gennaio 2023 infatti la Confederazione diventerà membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite per due anni. A partire da ottobre, potrà quindi partecipare alle riunioni del Consiglio in qualità di osservatore.

Le autorità federali hanno già reso note le loro priorità: la Svizzera vuole attirare l'attenzione sulle conseguenze globali della guerra in Ucraina, in particolare per quanto riguarda la sicurezza alimentare ed energetica. Vuole inoltre partecipare alla riforma delle Nazioni Unite.

Contenuto esterno

Momento difficile

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha sottolineato come ci incontriamo in un momento di grande pericolo per il mondo e ogni pericolo sta spingendo gli obiettivi di sviluppo sostenibile sempre più fuori portata". 

"Lo sviluppo non può aspettare. L'educazione dei nostri figli, lavori dignitosi, la piena uguaglianza per donne e ragazze, un'assistenza sanitaria completa non possono aspettare, un'azione per il clima significativa, la protezione della biodiversità, non possono essere lasciati al domani", ha proseguito, sottolineando che "in tutte queste aree, i giovani chiedono un'azione, non solo per se stessi, ma per le generazioni del futuro". 

"Non possiamo deluderli - ha sottolineato ancora Guterres - Questo è un momento definitivo. I pericoli che dobbiamo affrontare non possono competere con un mondo unito".
 


 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?