Navigation

L'esercito iracheno occupa il centro di Falluja

L'offensiva a Falluja contro l'Isis keystone

Liberato il municipio della città sull'Eufrate, occupata nel gennaio 2014 dall'Isis

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2016 - 13:07

L'offensiva lanciata dall'esercito iracheno quasi un mese fa a Falluja, avamposto dello Stato Islamico a 60 chilometri da Baghdad, sembra giunta a un punto di svolta. Le truppe regolari, sostenute dall'aviazione statunitense, hanno infatti raggiunto il centro occupando il palazzo del municipio dove è stata issata la bandiera irachena.

Combattimenti sono ancora in corso in altri quartieri dove sono asserragliati i terroristi islamici. Ieri il comandante Abdul Wahab al Saedy aveva affermato che l'esercito aveva ripreso la zona centrale di Nazzal e che la resistenza degli insorti appariva debole.

La città, passata nelle mani dello Stato Islamico a inizio 2014, costituisce un'importante roccaforte sunnita nell'Iraq centrale e ora si temono rappresaglie da parte delle fazioni sciite nei confronti dei presunti collaborazionisti dell'Isis. Molti civili, tra i quali potrebbero essersi mescolati numerosi miliziani dell'Isis, hanno comunque lasciato la città nelle ultime settimane con l'intensificarsi della battaglia.

spal

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.