Navigation

L'atleta albanese che sfida la povertà

Luiza Ghega riceve tremila franchi all’anno dallo sponsor tecnico e un sussidio di poche centinaia di franchi dallo Stato albanese

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2016 - 20:45

Le prossime Olimpiadi saranno ricordate anche per essere quelle dell'esclusione degli atleti russi per doping. Uno scandalo che mina i valori fondamentali dello sport che vengono proprio celebrati durante i giochi olimpici.

Uno sport dunque spesso corrotto da denaro e interessi ma che propone ancora degli atleti che sono simbolo di una storia positiva. Atleti che sono disposti ad autofinanziarsi e ad allenarsi in condizioni precarie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.