Navigation

L'accordo di Dublino non si tocca

La sentenza di Strasburgo non sancisce la morte dell'accordo. Ma secondo Simonetta Sommaruga, di fronte alla continua crescita del numero di richiedenti l'asilo, Dublino si dimostra uno strumento insufficiente

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2014 - 20:29

A due giorni dalla sentenza della Corte europea di Strasburgo che impedisce il rinvio di una famiglia afghana dalla Svizzera all'Italia, la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha evidenziato le lacune dell'accordo di Dublino e la necessità di rivederlo. Lo ha fatto durante un simposio sulla migrazione a Berna, cui hanno partecipato numerosi esperti che dal canto loro hanno anche denunciato il bisogno di una maggiore protezione dei rifugiati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.