Navigation

Jihadista condannato per crimini contro dei monumenti storici

È una prima assoluta. L'ex jihadista che nel 2012 distrusse il mausoleo di Timbuctù, in Mali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2016 - 14:02

La Corte penale internazionale dell'Aja ha condannato a 9 anni di carcere l'ex jihadista che nel 2012 distrusse il mausoleo di Timbuctù, in Mali. Secondo la Corte, l'uomo, reo confesso, ha giocato un ruolo di rilievo negli attacchi perpetrati contro i monumenti. E la sentenza odierna ha un sapore quasi storico, perché per la prima volta viene condannato qualcuno per attacchi al patrimonio culturale di un Paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.