Navigation

Disastro ambientale nel Mediterraneo orientale

In seguito alle quantità di catrame accumulatesi sulla costa, è vietato fare il bagno ma anche praticare attività sportive o accamparsi. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Ha toccato lunedì anche le coste del Libano, la marea nera che da giorni aveva raggiunto il litorale israeliano. Il disastro ecologico, definito il peggiore degli ultimi decenni in Israele, è stato attribuito a una non meglio precisata fuoriuscita di petrolio da imbarcazioni al largo e si propaga a tutta la fascia costiera del Mediterraneo orientale, anche a causa delle mareggiate e del vento forte spirato negli ultimi giorni nell'area.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2021 - 17:10

Il premier libanese uscente Hassan Diab ha chiesto ai ministri competenti "di agire di conseguenza per riparare i danni causati da questa fuoriuscita di petrolio". Il contingente delle Nazioni Unite schierato nel sud del Paese -l'Unifil, che dispone di una forza marittima- è stato intanto informato delle misure che saranno intraprese da Beirut.

Il ministero dell'ambiente israeliano ha invece fatto sapere, proprio lunedì, che un giudice ha imposto il silenzio stampa sui dettagli dell'indagine che riguardano lo sversamento di greggio che sta deturpando l'intera costa dello Stato ebraico. Il dicastero aveva attivato una procedura d'emergenza e richiesto informazioni dettagliate all'Ente europeo per il traffico marino per ricostruire i movimenti di alcune navi.

Le prime vittime. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

In seguito alle quantità di catrame accumulatesi sulla costa mediterranea, agli israeliani è stato vietato di bagnarsi in mare fino a nuovo ordine per proteggere la loro salute. Alcune tartarughe marine coperte di una sostanza viscida nera sono morte.

End of insertion

I media, che hanno definito inusuale tale ordine giudiziario, riferiscono che il silenzio stampa vale una settimana e impedisce la pubblicazione di ogni particolare della vicenda, inclusi quelli che possano far identificare i sospetti, la nave coinvolta, il carico trasportato, i porti di destinazione e partenza. Il ministero, interpellato dal quotidiano Haaretz, si giustifica così: "la pubblicazione in questo momento sensibile potrebbe danneggiare una complessa indagine con risvolti internazionali".

Sulle spiagge, dove si è assistito a un graduale arrivo della macchia di greggio, è vietato non solo fare il bagno ma anche praticare attività sportiva e accamparsi. Quantità più o meno grandi di liquido oleoso hanno raggiunto diversi tratti del litorale, dal confine a nord col Libano fino a sud con la striscia di Gaza.

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, i sospetti delle associazioni ambientaliste e le difficoltà nelle operazioni di bonifica.

Il premier Benyamin Netanyahu ha compiuto domenica un sopralluogo a sud di Tel Aviv per verificare la gravità dell'inquinamento. Lunedì, il presidente Reuven Rivlin ha visitato la spiaggia di Herzliya e ha commentato: "Quello che abbiamo visto è un pugno nell'occhio e una pena. […] Dobbiamo lavorare a un piano di protezione nazionale ambientale per assicurarci che eventi di questo tipo non ci prendano di sorpresa".

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 24.02.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.