Navigation

Isis-Giordania: l'orrore, la vendetta

Appreso dell'esecuzione del pilota militare ostaggio dell'Isis, bruciato vivo, Amman ha giustiziato la jihadista della quale i miliziani chiedevano il rilascio

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2015 - 17:21

La Giordania ha risposto con la vendetta all'esecuzione del suo pilota militare, bruciato vivo dai miliziani dell'autoproclamato Stato islamico. Questa mattina Amman ha infatti giustiziato la kamikaze irachena della quale i miliziani chiedevano la liberazione, e un secondo prigioniero.

Con l'uccisione del pilota, l'Isis sembra dunque aver alzato il livello di barbarie. Un nuovo orrore che ha scatenato l'ira della Giordania. In coda al servizio, l'intervista all'esperto Arturo Varvelli, per inquadrare il ruolo di questo paese nella lotta all'autoproclamato Stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.