Navigation

Turchia, un'informazione libera è possibile?

Incontro con un giornalista indipendente che continua a fare il suo lavoro nonostante tutto

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2016 - 14:56

In Turchia dopo il tentato golpe del 15 luglio, continuano le purghe volute dal presidente Erdogan. E' di oggi la notizia dell'arresto -sulle rive del Mar Nero- di Halis Hanci, il braccio destrro di Fethullah Gülen, il più acerrimo nemico del presidente.

Nel mirino delle purghe - in questi giorni - sono finiti anche molti giornalisti. Erdogan non ha mai gradito le critiche della stampa. Oggi i gruppi editoriali sono praticamente tutti allineati con il governo. I nostri collaboratori Emanuele Valenti e Claudio Maggiolini hanno incontrato ad Ankara un giornalista indipendente, che malgrado i rischi e gli ostacoli riesce ancora a fare informazione

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.