Navigation

Intervento in Siria, la Germania dice "sì"

Niente incursioni aeree, ma missioni di appoggio e supporto militare

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2015 - 13:21

Dopo un dibattito dura oltre due ore, il parlamento tedesco ha approvato la proposta del governo di partecipare alla campagna militare contro lo Stato Islamico in Siria. Una missione di appoggio, senza intervento diretto delle forze di Berlino: si prevede l'invio di 6 aerei da ricognizione, di velivoli cisterna, di circa 1200 militari da impiegare nelle basi e di una fregata che avrà per missione quella di "coprire le spalle" alla portaerei francese Charles De Gaulle. Niente incursioni aeree in Siria, dunque.

Una scelta che scontenta la sinistra contraria al sostegno militare che ribatte dicendo che "appoggiare chi bombarda è come bombardare in prima persona".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.