Navigation

Traffico sull'Everest, 4 scalatori morti in 24 ore

I corpi di 4 vittime dell'Everest trasportati in elicottero all'ospedale di Kathmandu. Keystone

​​​​​​​

La cima dell’Everest è sempre più trafficata e il sovraffollamento della montagna più alta del Mondo, complice il periodo particolarmente propizio, continua a provocare vittime.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2019 - 19:55
tvsvizzera/reuters/afp/spal con RSI (TG del 24.5.2019)

Sono sette gli scalatori deceduti negli ultimi giorni, quattro – due indiani, un austriaco e una guida nepalese – nelle ultime 24 ore.

Centoventi persone hanno raggiunto la vetta posta a 8'848 metri giovedì ma molti di loro hanno dovuto attendere molte ore, a causa dell’intasamento nella “zona della morte” sulla via normale, prima di poter proseguire la loro ascesa, circostanza questa che ha potuto aggravare il loro stato di salute.

I due indiani morti durante la discesa sono una donna di 52 anni e un giovane di 27 anni. Quest’ultimo è deceduto per disidratazione e spossamento “dopo essere stato coinvolto per 12 ore nell’imbottigliamento degli alpinisti”, ha precisato la compagnia di guide Peak Promotion. Due sherpa lo hanno trasportato al campo 4 dove è spirato poco dopo.

Contenuto esterno


Un austriaco di 65 anni è morto invece sulla via tibetana, meno frequentata di quella nepalese, mentre una guida nepalese è deceduta per una malattia fulminante al campo 3 a 7'158 metri di altitudine.

L’alta stagione sull’Everest dura da fine aprile a fine maggio, periodo nel quale la situazione meteorologica offre condizioni meno estreme per gli scalatori. A giovedì scorso sono stati 550 gli alpinisti giunti sulla vetta himalayana quest’anno, secondo i dati diffusi dalle autorità nepalesi.      

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.