Navigation

Proteine alternative, un settore che fa gola

Per i rappresentanti delle grandi ditte, la ricerca di nuove sinergie passa anche dal palato. RSI-SWI

Molte aziende elvetiche stanno investendo nel settore dei sostituti della carne e, più in generale, delle proteine alternative. E lo fanno soprattutto in Asia. Il servizio della Radiotelevisione svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 maggio 2021 - 08:48

Si stima che il mercato delle proteine alternative raggiungerà i 290 miliardi di franchi entro il 2035. Lo sanno bene anche le aziende svizzere attive nel settore della tecnologia alimentare che stanno cercando nuove idee e innovazioni ad esempio a Singapore.

Nel Paese asiatico, praticamente privo di risorse naturali, molte start-up si concentrano infatti sul tema della sicurezza alimentare. Evento dopo evento, preparano manicaretti a base di proteine vegetali e alta tecnologia, tentando di attirare gli investitori… per la gola.

Più dettagli nel servizio del Telegiornale:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 16.05.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.