Navigation

I Trump fanno causa a Deutsche Bank

Chiede che le informazioni sui suoi conti correnti e i suoi asset siano al riparo dagli sguardi del Congresso. Keystone / Leigh Vogel / Pool

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i suoi figli Donald jr, Eric e Ivanka, hanno presentato a un tribunale di New York un'azione inibitoria contro Deutsche Bank e Capital One. Il ricorso mira a impedire all'istituto bancario tedesco e alla società finanziaria statunitense di trasmettere al Congresso informazioni su conti correnti e voci di bilancio della famiglia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 aprile 2019 - 14:45
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 30.04.2019)

Lo riferisce il quotidiano tedesco Handelsblatt. All'azione legale ha aderito anche la Trump Organization, società immobiliare fondata e gestita dall'attuale presidente prima di essere eletto alla Casa Bianca.

La richiesta delle commissioni Intelligence e Finanziaria del Congresso USA di consegnare la documentazione relativa alla posizione di Donald Trump, si legge nell'istanza, "non ha fondamento".

Secondo i ricorrenti, sarebbe stata avanzata "per molestare il presidente", "rovistare in ogni aspetto delle sue finanze personali, nelle sue imprese e nelle informazioni private" sue e della sua famiglia per "dare la caccia a tutti i materiali che potrebbero causargli un danno politico. Non esistono basi per stabilire un motivo che non sia politico".

Sollecitati nove istituti

L'obiettivo del Congresso è far luce sugli affari finanziari del presidente e sui suoi possibili collegamenti con la Russia. Un'indagine collegata al cosiddetto Russiagate, avviata dai Democratici una volta riusciti a ottenere la maggioranza alla Camera dei rappresentanti.

Deutsche Bank è solo uno di nove istituti ai quali sono state chieste informazioni, ma è cruciale poiché in possesso di molta documentazione su Trump.

Contenuto esterno

La banca tedesca è stata l'unico grande istituto di credito a continuare a prestare denaro all'attuale presidente, al figlio e al genero, dopo la fine degli anni Novanta, quando Trump era in cattiva luce per una serie di fallimenti.

Indiscrezioni parlano di prestiti per 2 miliardi. Il debito ammonterebbe a 340 milioni di dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.