Navigation

Incursione di Isis in Tunisia

Attacco respinto alla città di Ben Guerdane, il governo decreta il coprifuoco nella regione

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 marzo 2016 - 21:45

Almeno 53 persone sono morte nell'attacco sferrato all'alba da un commando dell'Isis nella città tunisina di Ben Guerdane, non lontano dal confine con la Libia. I jihadisti hanno preso di mira una caserma e un posto di polizia e dopo alcune ore sono stati respinti dall'esercito.

Numerosi i falangisti uccisi dalle forze dell'ordine ma tra i morti figurano anche diversi militari e civili, tra cui una bimba di 12 anni. Il governo ha decretato il coprifuoco nella regione e la popolare isola turistica di Djerba è stata isolata. Secondo le autorità i miliziani intendevano prendere il controllo della città.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.