Navigation

In Svizzera i milioni del capo di Cosa Nostra?

La procura federale collabora con gli inquirenti italiani nella ricerca dei soldi di Matteo Messina-Denaro

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2015

C'è anche la Svizzera sulle tracce di Matteo Messina-Denaro, considerato il numero uno di Cosa Nostra, dopo la cattura di Bernardo Provenzano. Il ministero della Confederazione ha confermato di collaborare con le autorità italiane antimafia.

Partecipa alla discussione!

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

   Notiziario
Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.