Navigation

Immigrazione, bimbo nascosto in valigia alla frontiera

Incredibile tentativo di ingresso illegale di un ragazzino al valico di Ceuta, enclave spagnola in Marocco

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2015 - 21:03

Ha rischiato di morire soffocato il piccolo Abu, 8 anni, chiuso in una valigia e scoperto dalle guardie di frontiera a Ceuta, enclave spagnola in Marocco. Gli agenti lo hanno individuato grazie ai raggi X mentre una ragazza di 19 anni cercava di farlo entrare in territorio europeo, dove i genitori di origine Ivoriana lo attendevano. Il bambino, assicurano le autorità iberiche, ora sta bene ed è stato affidato ai servizi sociali mentre sono finiti in manette la ragazza e i due genitori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.