Navigation

Il tunnel dell'industria tedesca dell'automobile

Le autorità tedesche hanno imposto ai produttori nazionali (non solo alla VW) di modificare il software che permetteva di taroccare i dati relativi alle emissioni dei motori diesel

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2016 - 20:14

Lo scandalo del software impiegato per truccare i dati relativi alle emissioni dei motori diesel continua a far parlare di sè. Oggi il ministero tedesco dei trasporti ha annunciato che quasi tutti i marchi tedeschi (fatta eccezione per BMW) dovranno richiamare circa 630mila vetture per modificare il programma informatico incriminato. Intanto il gruppo di Wolfsburg ha annunciato il peggior risultato contabile della storia.

Intanto il ministero pubblico della Confederazione ha reso noto che sono oltre duemila le denunce provenienti dalla Svizzera trasmesse qualche giorno fa alle autorità giudiziarie tedesche in relazione allo scandalo delle emissioni truccate. La denunce riguardano reati quali truffa, concorrenza sleale e commercializzazione di sostanze nocive. L'Ufficio federale delle strade stima che in Svizzera siano 180mila i veicoli Volkswagen con motore diesel con il software che consente di truccare i test sulle emissioni dei gas di scarico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.