Legge approvata Aborto legalizzato in Argentina

Una donna fasciata con un drappo verde manifesta circondata da cartelli pro-legge sull aborto

I manifestanti (con fazzoletti verdi quelli a favore della legge, in celeste i contrari) hanno atteso il verdetto fino alle 4 di mattina sulla piazza antistante il Parlamento.

Keystone / Juan Ignacio Roncoroni

In Argentina, il Senato ha approvato mercoledì la legge sull'interruzione volontaria di gravidanza. La decisione, presa con 38 voti a favore e 29 contro, fa del Paese il più grande tra i pochi in America latina dove l'aborto è legale. Finora, disponevano di una legislazione in materia solo Cuba, Uruguay, Guyana e Città del Messico (ma non l'intera nazione).

La votazione sul provvedimento, già approvato alla Camera dei deputati, è avvenuta alle 4 di mattina -le 8 in Europa centrale- dopo un dibattito durato più di 12 ore, nel quale si sono iscritti a parlare 59 dei 72 senatori di cui è composta l'assemblea. Alcuni di essi, incerti, hanno infine deciso di appoggiare la proposta del governo rompendo il relativo equilibrio tra favorevoli e contrari.

La legge consente l'aborto fino alle 14esima settimana di gestazione e prevede per i medici la possibilità di avvalersi dell'obiezione di coscienza, stabilendo però che se una clinica privata ha solo professionisti obiettori dovrà dirottare la paziente ad altra clinica o ospedale pubblico.

Fine della finestrella

Il risultato ha mandato in visibilio le migliaia di sostenitori della Campagna per il diritto dell'aborto legale, sicuro e gratuito, che hanno atteso la fine della seduta del Senato con i tradizionali 'pañuelos verdes' (fazzoletti verdi) sulla piazza all'esterno del Parlamento. Davanti all'edificio erano presenti anche i contrari (in celeste), con le due fazioni separate da un importante cordone di agenti di polizia.

L'annuncio formulato dalla presidente della camera alta Cristina Fernández de Kirchner –"Il progetto è approvato"- ha messo fine a un dibattito che gli argentini hanno potuto seguire su Youtube e a una lotta per la legalizzazione dell'interruzione della gravidanza cominciata nel Paese 15 anni fa.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 30.12.2020)

Parole chiave